Featured Posts
Recent Posts

LA PSICOTERAPIA…QUELLO STRANO SCONOSCIUTO!

Psicologia, psicoterapia…ma funziona davvero? Come possono le “parole” guarirmi? Non sarebbe meglio un farmaco? Queste e molte altre domande possono attraversare i nostri pensieri quando un disagio emotivo compromette la qualità della nostra vita costringendoci a cercare un aiuto. Per prima cosa, terapie psicologiche e farmacologiche non sono approcci incompatibili né alternativi, ma spesso complementari, e la comprensione di quale intervento possa essere più utile in una specifica situazione è prettamente compito dello specialista (sia psicologo-psicoterapeuta sia psichiatra). Secondo: se è abbastanza “facile” immaginare che lo psicofarmaco per ottenere un miglioramento sintomatologico agisca a livello biochimico in maniera mirata sul sistema nervoso centrale, com’è possibile che la psicoterapia possa produrre i medesimi risultati utilizzando come “strumenti” di lavoro la relazione e la comunicazione? Sorprendentemente anche la psicoterapia agisce sul sistema nervoso centrale andando a modificare il funzionamento di alcune aree interessate all’espressione dei sintomi e grazie a tecniche sofisticate di neuroimmagine (ERPs, PET, fMRI), sempre più utilizzate nella ricerca evidence-based a partire dagli anni ’60, è stato possibile dimostrarlo. La persona che si affida ad uno specialista psicoterapeuta si appresta innanzi tutto ad una “nuova esperienza” che comporta l’elaborazione d’informazioni ed emozioni a livello cerebrale con la conseguente creazione di nuove memorie che nel tempo, possono determinare dei cambiamenti nei nostri comportamenti. Ogni nuova esperienza attiva processi di apprendimento mediati da cambiamenti cerebrali che sono possibili grazie ad un meccanismo biologico di plasticità neuronale, ovvero la possibilità delle cellule neuronali di modificarsi sia in senso funzionale che strutturale. Le evidenze descritte sopra hanno cominciato a fornire spiegazioni scientifiche di come la psicoterapia agisca a livello cerebrale, ma sono necessari altri ingredienti essenziali a rendere possibile tali risultati. Tra questi i principali sono: la motivazione personale, la disponibilità al cambiamento, una relazione basata sulla fiducia reciproca tra paziente e terapeuta.

Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2015/10/plasticita-neurale-psicoterapia/

Elfedea

Èquipe Clinica Multiprofessionale